Nel 1965 l’errore di un giornalista per non aver saputo tradurre il nome dell’animale dello stemma dell’Argentina Rugby Union ha dato origine al soprannome della squadra nazionale argentina. “Stavamo camminando dopo essere scesi dall’aereo e un giornalista si avvicina per chiedermi del giaguaro. Dato che non parlavo molto bene l’inglese, gli ho detto che era un puma “, racconta Agustín Silveyra in un’intervista.

Morbi vitae purus dictum, ultrices tellus in, gravida lectus.

AUTORE

Argentina on the go

CATEGORIA

Attività

PUBBLICATO

Maggio 6, 2021

SOCIAL

argentinaonthego
Q

uesto soprannome è stato il grande riferimento di questo sport argentino in tutto il mondo con il trascorrere degli anni, rendendo omaggio alla forza e alla potenza dei puma che occupano un posto speciale in tutto il territorio argentino. Al di là del riferimento emblematico, oggi affronteremo in modo approfondito l’avvistamento di questi animali, raccontando alcune affascinanti storie con questi felini.

Questo animale furtivo incuriosisce tutti gli amanti della natura che ammirano le cartoline di questo imponente felino. Un timido predatore con un’astuzia speciale che gli permette di nascondersi in montagna e sulla neve; è difficile da osservare poiché sono animali solitari che abitano vasti territori. Si nutrono di piccoli roditori e di animali più grandi come lepri, guanachi, struzzi o cervi.

Il puma come ogni predatore, veglia sulla sua preda per poterla cacciare, azione
che permette la sopravvivenza del condor, delle volpi e di altri animali che approfittano di questa scorta alimentare. Soprattutto in estate, poiché alcune specie non avrebbero cibo se questo carnivoro non lasciasse i resti di alimento. Il puma è fondamentale per mantenere l’equilibrio dell’ecosistema nelle diverse regioni del paese.

Foto: Pumagonia

Dove posso vedere i puma?

Su tutto il territorio argentino ci sono circa cinque sottospecie di puma. La Patagonia e San Juan sono le regioni più comuni per avvistarli. Tuttavia, il puma vive in tutto il paese, tranne nella Terra del Fuoco dove, secondo gli esperti, non ha mai vissuto. “Anche se non lo vediamo la maggior parte del tempo, si trova in tutto il territorio”, ha spiegato Kai Pacha, presidente di Pumakawa, un rifugio per puma che si dedica alla conservazione di questo animale.

La Patagonia è una delle regioni dove è possibile vedere questi animali, in particolari escursioni che con il tempo stanno avendo più importanza. Tuttavia, gli esperti assicurano che questo felino può accompagnare furtivamente più di un viaggiatore che sta facendo trekking in montagna, ma non si accorgerà mai della sua presenza.

Il puma, testimone fedele e compagno di montagna difficile da percepire, ma che veglia con attenzione sul suo territorio. Al domandare a Kai sull’avvistamento del felino in questo territorio, risponde: “Ci sono molti avvistamenti, sono sempre in aumento, perché si attraversano percorsi … strade. E inoltre si stanno gestendo spazi dove permettere ai viaggiatori di avvistarli e, quindi, rivalutare la loro presenza e la loro protezione. Come nel caso del Parco Patagonia Argentina.

Foto: Pumagonia

Cosa fare se mi trovo davanti un puma?

Kai ci consiglia di restare calmi, di non voltare le spalle e di non correre. Nel caso in cui siate con bambini, dovete portarli sulla schiena o sulle spalle. Ha aggiunto che è consigliabile alzare le braccia per allungare le dimensioni del corpo e se necessario emettere urla di allontanamento. Sebbene sia un animale selvatico, ci ricorda anche che finché non tentiamo di attaccarli, può risultare un avvistamento sicuro.

D’altra parte, Sebastián Di Martinol, direttore della Fondazione Rewilding Argentina, ha espresso in una recente pubblicazione: “Il puma è sfuggente, i casi di attacchi alle persone sono rari. Il puma quando cammina per le campagne della Patagonia e siamo fortunati a vederlo, ti vede sempre per primo e ti osserva passivamente da qualsiasi altra parte. È timido in presenza dell’umano “, conferma l’esperto.

Foto: Sebastián Saiter, Far South Exp

Come avvistare puma senza recar danno a questa specie?

Rivolgendoci a Kai per saperne di più su quest’attività, ci evidenzia i vantaggi che possono portare alla conservazione dei puma: “Il puma deve essere visto in modo diverso da come si vede, come un felino pericoloso visto che non lo è affatto. Il puma è come un ombrello che, conservandolo, mantiene tutte le specie che sono le sue prede, che stanno al di sotto nella catena alimentare. E questo ci porta a proteggere il suo habitat. Conservando il puma, conserviamo per noi stessi ciò che distruggiamo in modo sproporzionato. Il puma funge da freno a mano, da termometro che misura lo stato sano o malsano del suo ambiente ”, ha spiegato.

Ci ha ricordato l’importanza del puma: “Se il puma mangia dal bestiame del produttore è perché nel suo habitat non gli lasciamo prede selvatiche da mangiare. Scientificamente, è dimostrato che preferisce le prede selvatiche, quindi se favoriamo la riproduzione delle vizcacha, ad esempio, le quali gli umani hanno dato caccia e, nella città di Córdoba vengono dichiarate in pericolo d’estinzione, il puma le mangia e il conflitto con il produttore si riduce “, ha affermato.

Ha aggiunto che con le adeguate condizioni di sicurezza per entrambe le specie (puma – essere umano) si può favorire la sua conservazione. “Puoi vederlo per la sua maestosità, così com’è realmente”, ha detto il presidente della Fondazione Pumakawa, che lavora da tutta la vita a favore di questi animali.

Foto: Leah Huyghe

Una storia

Il giorno in cui un puma mi ha cambiato la vita

Kai ha condiviso con Argentina On The Go una storia molto speciale con questi felini. L’evento si svolge durante gli incendi nella regione nel 2009, incidenti che hanno colpito la riserva e che due giorni dopo, l’incendio ha colpito i recinti dei nove puma che erano in questo luogo di conservazione. Di fronte alle minacce della polizia impedendogli di avvicinarsi al luogo per liberare gli animali, ha fatto tutto il possibile per correre il rischio.

“Le fiamme erano così alte, provocando un rumore così forte che mi stavo disperando. Il fumo non mi lasciava vedere a più di un metro, e la polizia, vedendo l’incendio nelle vicinanze, se ne era andata. Sono corso ad aprire ogni porta, e non li vedevo … ho pianto chiedendo loro perdono perché oltre ad avergli fatto del male, motivo per cui erano rinchiusi lì (uccidendo la madre, tenendoli come animali domestici, ecc.) ora gli abbiamo bruciato la gabbia. Mi sentivo impotente. Sentivo che la stupidità umana era più pericolosa del fuoco stesso ”, racconta con nostalgia.

In mezzo alla sua disperazione, accadde quella che lei descrive come una lezione di vita: “Corsi dalle persone che stavano aiutando a spegnere il primo fronte di fuoco, e si sono spaventate quando mi hanno visto. Poi mi sono guardata intorno e loro, i puma, mi stavano circondando, erano tranquilli. Non si sono dispersi come immaginavo. Piuttosto, mi corsero dietro e si fermarono in cerchio quando mi fermai. Ho mantenuto la calma delle persone e ho guardato attentamente ogni puma, sentivo come se mi stessero parlando. Sono stati minuti eterni che hanno segnato la mia vita. Li ho portati ai loro recinti a piedi. Tutto era tranquillo, in mezzo a un caos di persone, fumo e rumore ”, ha commentato.

Questo è il motivo per cui si fa chiamare Kai Pacha che significa “protettore del puma, qui e ora”, non solo come quel soprannome dei giocatori di rugby ma come qualcosa di spirituale e legale da quando ha registrato questo nome nel suo documento civile. Prendersi cura, ammirare la maestosità di questo animale, un insegnamento da non trascurare.