Per la nota di oggi abbiamo bisogno che “indossi” le tue scarpe più comode! Faremo un tour di alcune delle architetture più rappresentative che ospita Buenos Aires. Il viaggio sarà lungo, ma ne varrà la pena.

Av Plaza de Mayo

AUTORE

Argentina on the go

CATEGORIA

Attività

PUBBLICATO

Novembre 4, 2021

SOCIAL

argentinaonthego

P er questa avventura abbiamo invitato due donne di talento che da tempo ammirano la capitale argentina con altri occhi. Si tratta di Adriana Claudia Cichero, fotografa amatoriale, content creator, famosa per aver condotto un censimento di tutte le cupole di Buenos Aires e di Marga Fabbri, artista plastica e architetto che ha unito le sue due passioni per lavorare al salvataggio del Patrimonio Architettonico della capitale .

Due storie così favolose che ti ispireranno a scoprire luoghi unici. ”Buenos Aires è molto grande e ogni quartiere od ogni settore ti fa sentire in paesi diversi, la diversità dell’architettura che abbiamo, rende questa città una delle città più belle al mondo”, dichiara Adriana Cichero.

Dal canto suo, Marga Fabbri ci invita a staccarci dal percorso tradizionale. “Vi direi di perdervi, avendo una vaga idea, ma andare in posti poco turistici. Camminare per le strade, le piazze, allontanarsi dai luoghi più frequentati. Una stazione dei treni, una locanda o un bar in un quartiere più remoto come Devoto o Boedo. La stazione Retiro, la Casa Victoria Beccar, Palazzo San Martín o un bar tradizionale come Margot”.

Biblioteca Nacional

Stili

“Si dice che Buenos Aires sia eclettica e questa miscela è stata creata dalla quantità di diversi stili in una stessa facciata (…) lo stile di Buenos Aires è un insieme di stili: italiano, francese, coloniale. Nasce come villaggio coloniale di passaggio e solo nel 1880, Buenos Aires è stata dichiarata capitale della Repubblica, da quel momento in poi la città iniziò ad essere presa sul serio. Trattandosi di una capitale in cui dovevano essere installate le sedi dei poteri politici, iniziarono a essere considerati questi edifici attraverso concorsi internazionali di architettura”, contestualizza Fabbri.

Edificios Bencich – Miguel Bencich

Ciò si riflette nell’architettura del Congresso o della Casa Rosada. In quel momento, per prepararsi al centenario della Rivoluzione di Maggio, l’intenzione era quella di rinnovare la città, cercando di imitare lo stile parigino. In quel periodo sono stati costruiti grandi edifici che hanno generato la comparsa di banche nella zona (per il loro finanziamento), investimenti inglesi, palazzi, e altro ancora.

“Gli stili erano diversi, ogni azienda a livello statale si voleva fare a immagine e somiglianza di Parigi, portavano architetti francesi, ma organizzavano anche concorsi. Siamo passati dal villaggio coloniale alla grande metropoli che cominciava a connettersi con il mondo”, ha spiegato l’architetto. Non senza prima riconoscere che al di là di questo boom, la città continua ad essere in continua trasformazione.

Buenos Aires è in continua trasformazione. A Puerto Madero, 20 anni fa tutte quelle torri non c’erano. Puerto Madero fu costruito e rimase obsoleto perché non prevedeva il dragaggio, il pescaggio delle navi. Poi è arrivata un’idea rivoluzionaria che ha rivalutato il posto a quello che è oggi. Buenos Aires non ha mai smesso di cambiare”, ha affermato.

Con tutte le informazioni fornite, abbiamo messo insieme cinque categorie per focalizzare i nostri contenuti. Va notato che molti luoghi saranno lasciati fuori, ma speriamo che questo sia un motivo per lanciarsi a scoprire queste e altre meraviglie con i propri occhi. Prendendo alcune delle referenze più note, ma addentrandosi anche in altri spazi imperdibili.

Puerto Madero

Emblematici

Qui troviamo i più fotografati come l’Obelisco di Alberto Prebisch. A pochi isolati e nel centro storico di Buenos Aires si trova la Plaza de Mayo dove si possono ammirare la Casa Rosada di Francesco Tamburini, il Museo Storico Nazionale del Cabildo e la Rivoluzione di Maggio in stile coloniale e barocco o la Cattedrale Metropolitana. No, non è necessario essere un esperto per notare i diversi stili, non puoi non visitarli!

Casa Rosada

Obelisco de Buenos Aires

Plaza de Mayo

Cupole

Come previsto, qui la protagonista che ci guiderà sarà Adriana Claudia Cichero. Il suo amore per le cupole deriva dal suo stupore nel vedere i visitatori della città ammirare l’architettura di Buenos Aires. “Ho alzato lo sguardo dove loro (i viaggiatori) stavano guardando e ho scoperto le Cupole Bencich di Diagonal Norte e Florida, lì ho scoperto che lassù esisteva un mondo meraviglioso e che non solo esistono le Cupole del Congresso Nazionale e la vicina Confetteria del Mulino, che erano quelle che vedevo da ragazza dalla Plaza Congreso”, ha detto.

Foto: @lareinadelascupulas – Congreso de la Nación

Foto: @lareinadelascupulas – Confitería el Molino

Questo è stato il motore che l’ha motivata a realizzare il Censimento per scoprire quante cupole ci sono in città, la stima è di circa 300, ma grazie alle sue ricerche avremo un’idea più chiara. Qui ci lascia i suoi consigli.

– Le cupole imperdibili si trovano a Diagonal Norte e Florida. L’angolo delle cinque cupole, per i miei gusti è uno degli angoli più belli della città.

– Camminare per la via Florida fino ad Avenida De Mayo e guardare l’insieme architettonico così armonioso che si forma guardando dalla via Perù verso Plaza de Mayo e poi camminare in direzione del Congresso Nazionale.

Il Palazzo Barolo: fare una visita guidata lì o salire sul suo tetto e godersi le viste incredibili.

– Av. De Mayo in direzione del Congresso, non appena inizia la piazza, voltarsi indietro per vedere da lontano Palazzo Barolo e osservare il Complesso Architettonico che si forma con l’Edificio Immobiliare.

Il Congresso Nazionale (con la sua facciata recentemente restaurata) e La Confitería del Molino (il suo restauro è già a buon punto)

– Av. Callao, un altro viale dall’architettura squisita che mostra l’opulenza che il nostro paese ha avuto nei secoli passati.

Foto: @lareinadelascupulas – Palacio Barolo

Foto: @lareinadelascupulas – Palacio Barolo – Edificio Inmobiliaria

Un altro percorso!

Ad un certo punto della conversazione, l’architetto Marga Fabbri ci ha spiegato che la città vive in costante rinnovamento. A questo punto segnaliamo l’imponente area di Puerto Madero che solleva enormi edifici, ma anche opere come il Puente de la Mujer dell’architetto spagnolo Santiago Calatrava. In questa lista non possiamo tralasciare la bellissima Biblioteca Nazionale Mariano Moreno, un progetto degli architetti Clorindo Testa, Francisco Bullrich e Alicia Cazzaniga in uno stile brutalista che non finisce mai di stupire chi passa.

Puente de la mujer, Puerto Madero

Quartieri

In un’altra pubblicazione abbiamo parlato a fondo dei quartieri più rappresentativi della città. Senza dubbio, riescono anche a riflettere la ricchezza di Buenos Aires in termini di architettura. Dal quartiere inglese di Caballito, ai conventillos di La Boca o ai musei in stile coloniale di Belgrano. Qui ci leghiamo alla raccomandazione delle nostre ospiti di meravigliarsi.

La Boca

Con attività inclusa!

Molti dei suddetti includono un’attività unica. Ma volevamo chiudere questo speciale con bellissimi siti combinati con cose che puoi fare lì. Assistere ad uno spettacolo teatrale al Teatro Colón, un ambiente in stile classico italiano e francese; senza dubbio uno dei più belli di Buenos Aires. Quando si tratta di premi, puoi visitare una delle librerie più belle del mondo: Ateneo Grand Splendid.

Teatro Colon

Ateneo Grand Splendid

Per concludere il pomeriggio, passa per il Museo di Arte Latinoamericana di Buenos Aires (Decostruttivismo) e finisci con bere vino su uno delle terrazze della capitale. Il Trade Sky Bar, l’Alvear Roof Bar o il Cielo Sky Bar che godono di viste magiche.

Osservare i punti panoramici

All’inizio dell’articolo abbiamo parlato di come Marga Fabbri avesse unito le sue due passioni per promuovere il Patrimonio Architettonico di Buenos Aires. Il suo metodo, lontano dall’ordinario, ci invita a lasciare la nostra zona di comfort per conoscere la bellissima capitale argentina. “È un progetto che nasce dalla mia esperienza personale di questa città che guardo tanto per dipingerla”.

Grazie al suo lavoro, è riuscita a vedere restaurati molti edifici e spazi emblematici della città, così “ha inventato” un nuovo modo di ammirarli. Per prima cosa, catturarli nei suoi dipinti, poi invitare artisti, fan, gente del posto o viaggiatori a fare lo stesso. L’attività consiste nel salire in luoghi privati e lontani dall’offerta di attività della capitale da vedere e disegnare. “In modo che guardino con il cuore, con l’anima.” In linea di massima, senza cellulari o distrazioni. Non è necessario essere un artista per partecipare all’attività.

Congreso de la Nación