Un tour attraverso alcuni dei quartieri più rappresentativi della capitale argentina, quale vuoi conoscere?

Plaza de Mayo – Buenos Aires

AUTORE

Argentina on the go

CATEGORIA

Attività

PUBBLICATO

Settembre 24, 2021

SOCIAL

argentinaonthego

“S enza le strade e i tramonti di Buenos Aires, non si può scrivere un tango”, affermò Jorge Luis Borges. E sì, la capitale dell’Argentina ha molte storie da raccontare; le sue strade, i quartieri, i bar, le sculture o i murales sono solo un esempio di tutto ciò che racchiude e di quanto sia disposta a farti immergere in tutti i suoi segreti.

Buenos Aires ha 48 quartieri, oggi faremo un conteggio dei più rappresentativi ed emblematici della città, ma non senza prima assicurarvi che ognuno ha un fascino unico e che avremo sicuramente bisogno di più di un articolo per parlare di ognuno di loro. Luoghi per tutti i gusti, contrasti, tesori culturali, parchi, musei, rinomati ristoranti e tanto altro.

Belgrano

In una parola: Multiculturale

Questa zona della capitale ha bellissimi spazi verdi e siti che riflettono il multiculturalismo della capitale. Il quartiere cinese ne è un fedele esempio. Qui puoi goderti negozi e ristoranti di origine orientale, nonché simboli di questo paese.

Sapevi che Belgrano ha una replica della Statua della Libertà di New York? Fu inaugurata molto prima di quella degli Stati Uniti, realizzata dallo stesso architetto, Frédéric Bartholdi. Misura tre metri, molto meno della gigante della città statunitense (93 metri).

Il Museo Storico Sarmiento, il Museo del Teatro Enrique Larreta o il Museo Casa de Rogelio Yrutia parlano della ricchezza culturale della zona, ma anche della sua architettura. Il primo per il suo marcato design coloniale che riempie di fascino la strada di Juramento. Infine, per gli amanti del calcio al limite di un altro bellissimo quartiere (Nuñez) c’è lo stadio River Plate, inaugurato nel 1938.

Imperdibili:

– Quartiere cinese
– Barrancas
– Stadio di River Plate
– Camminare su Avenida Cabildo

Foto 1: Barrancas – Foto 2: Barrio Chino – Foto 3: Plaza Manuel Belgrano

La Boca

In una parola: Passione

Senza dubbio, uno dei quartieri più famosi di Buenos Aires. Caminito e lo stadio del Boca Junior gli hanno dato fama e riconoscimenti internazionali. Il nome si deve alla foce del fiumiciattolo del Río de la Plata. Un luogo che ha accolto molti immigrati, bohémien, scultori, musicisti e molto altro.

L’artista Benito Quinquela Martín si è dedicato a riempire di colore questo quartiere, che nel corso della storia e per circostanze economiche e sociali è stato al centro di gravi crisi. Questo pittore ha dedicato la sua vita a catturare il lato più allegro e colorato di La Boca e Caminito lo riflette in un modo unico. “Dipingo solo nel mio paese e nel mio paese nel mio quartiere, La Boca e il suo porto”, affermò.

Al di là di questi due grandi riferimenti, il luogo si distingue anche per gioielli architettonici come l’ospedale Argerich in stile razionalista. Si può anche rimanere sorpresi dal centro Usina del Arte, un edificio che è passato dall’essere abbandonato a diventare uno degli spazi culturali più rilevanti della città.

Imperdibili:

– Caminito
– Museo Benito Quinquela Martín
– Bombonera
– Usina del Arte
– Fondazione Proa

Caminito

San Telmo

In una parola: bohémien

San Telmo ti darà una prospettiva completamente diversa della città. Un quartiere ricco di contrasti e di architettura imponente, ma soprattutto ti darà la sensazione di viaggiare indietro nel tempo. I suoi bar, ristoranti e riferimenti gastronomici sembrano raccontare la propria storia.

Il Casal de Catalunya con il suo stile art nouveau, la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Buenos Aires con il suo marcato stile neoclassico o l’influenza britannica dell’edificio ex Agar Cross, continuano a mostrare la varietà della capitale. Tuttavia, San Telmo si caratterizza per mantenersi nel tempo con un’essenza quasi indescrivibile.

Il circuito a piedi è impreziosito dalla figura di Mafalda, il personaggio iconico di Quino, il celebre fumettista argentino. Ha uno spazio riservato per te, lì potrai sederti accanto a lei e perpetuare la tua visita con una classica cartolina. A pochi isolati di distanza vedrai la Casa Minima (la più stretta della città). Il quartiere ospita anche il Museo d’Arte Moderna, o gallerie come l’Old Hotel o il Solar de French. Tuttavia, è il mercato di San Telmo il più riconosciuto e pittoresco.

Imperdibili:

– Mafalda
– Casa Mínima
– Museo di Arte Moderno
– Parrocchia di San Pedro González Telmo
– Mercado di San Telmo

Foto 1: Casa Mínima – Foto 2: Galeria Solar de French – Foto 3: Feria de San Telmo

Puerto Madero

In una parola: Imponente

Nonostante sia uno dei quartieri più giovani di Buenos Aires, è uno dei più visitati, ammirati e fotografati. I suoi enormi edifici, il Puente de la Mujer e il porto, sono cartoline desiderate da locali e turisti che approfittano della visita per godersi il bellissimo paesaggio in un bel ristorante o in un bar.

Ha anche una Nave Museo A.R.A. Fragata Sarmiento, un Museo dedicato all’umorismo, all’immigrazione, il Padiglione delle Belle Arti dell’UCA o il Monumento al Tango. Riferimenti culturali che parlano della versatilità del quartiere, della sua ricchezza e della bellezza del territorio. Sebbene il porto riceva tutti gli elogi, Puerto Madero ha la Riserva ecologica, la più grande e importante area verde di questa città.

Imperdibili:

– Puerto Madero
– Puente de la Mujer
– Riserva Ecologica
– Padiglione delle Belle Arti dell’Università Cattolica Argentina UCA
– Patio Gastronomico di Rodrigo Bueno

Foto 1: Reserva Ecológica – Foto 2: Puente de la Mujer – Foto 3: Fragata Sarmiento

Recoleta

In una parola: Illustre

Uno dei punti di partenza per fare riferimento o evidenziare questi quartieri è la loro architettura e il valore storico di ognuno. Illustre è la parola scelta per descrivere Recoleta e non c’è da stupirsi, basta valutare ciascuna delle sue attrazioni per confermarlo. La libreria Ateneo Grand Splendid, considerata da prestigiose pubblicazioni come una delle più belle al mondo, l’imponente architettura della Facoltà di Giurisprudenza, la scultura Floralis Generica, sono solo alcuni dei suoi riferimenti.

Il Cimitero della Recoleta è di per sé una meta, un cimitero? Sì, esatto. I suoi mausolei e le centinaia di storie hanno reso questo luogo un punto di riferimento per tutti i viaggiatori. Quando si parte, il contrasto tra la vita e la morte può essere visto in ogni angolo. Bar, ristoranti e caffetterie iconiche te lo racconteranno.

Non possiamo tralasciare il rinomato Museo Nazionale di Belle Arti, la Biblioteca Nazionale o il Centro Culturale Recoleta. Altre attrazioni che renderanno questo quartiere uno dei tuoi preferiti.

Imperdibili:

– Cimitero della Recoleta
– Centro Culturale Recoleta
– Ateneo Grand Splendid
– Floralis Genérica
– Avenida Quintana, La Biela

Foto 1: Libreria Ateneo – Foto 2: Calle Recoleta – Foto 3: Cementerio La Recoleta

Palermo

In una parola: Versatile

Un quartiere ricco di contrasti, colori, divertimento e allegria. Mentre i suoi murales, bar e i ristoranti di Palermo Hollywood sono uno dei luoghi più vivaci della capitale. In un altro settore del quartiere, immensi spazi verdi ospitano alcuni dei luoghi più belli e visitati: il Giardino Giapponese, il Bosco di Palermo, l’Ippodromo di Palermo, l’Orto Botanico o il Roseto di Palermo, solo per citarne alcuni.

L’unica cosa chiara che devi prendere in considerazione per attraversarlo è che sicuramente avrai bisogno di più di un giorno. Un elenco di attrazioni che non smetteranno di sorprenderti. La bellezza delle sue strade, dei suoi monumenti e musei, sono la perfetta chiusura.

Imperdibili:

– Ippodromo di Palermo
– Palermo Hollywood
– Giardino Botanico
– Roseto di Palermo
– Planetario
– Giardino giapponese
– Costanera Norte

Foto 1: Jardín Japones – Foto 2: Planetario – Foto 3: Avenida Sarmiento

Altre curiosità:

Coghlan: Nasce dove si trova la stazione ferroviaria fondata dall’irlandese Juan Coghlan. Un quartiere ricco di storia con una vasta influenza britannica nella sua architettura e nei club sportivi locali. Un quartiere tranquillo, ricco di fascino che sorprende con le sue belle facciate e i viali pieni di alberi giganti. Visitare questa stazione e i suoi dintorni ti farà sentire in un altro paese.

Parque Chas: Meglio conosciuto come il labirinto. Un progetto urbano che contrasta con il resto della capitale. La maggior parte delle sue strade prendono il nome da capitali del mondo e avrai bisogno di un’ottima memoria per non perderti.

Belgrano R: Un quartiere “non ufficiale” dal fascino particolare, punto di riferimento per i locali. Le residenze ed i ristoranti riempiono questo luogo di magia. La Plaza Castelli, uno degli spazi che devi visitare per conoscere il fascino di Belgrano R.

– Il quartiere di Monserrat è dove si trova il centro storico di Buenos Aires.

“Quando l’asprezza e la furia di Buenos Aires fanno sentire di più la solitudine, esco a fare una passeggiata per quei quartieri” Ernesto Sabato