Bruce Chatwin non solo parla della propria avventura, ma la risalta anche con personaggi migranti che per diversi motivi trovano in questo luogo inospitale un rifugio alla fine del mondo.

Foto Bruce Chatwin – Patagonia Argentina

AUTORE

Argentina on the go

CATEGORIA

Attività

PUBLICADO

Giugno 15, 2021

SOCIAL

argentinaonthego
I

nvasi da influencer di viaggi, promoters turistici e persino da personaggi che guadagnano milioni di dollari condividendo le loro avventure su canali come YouTube, gli scrittori di viaggi sono rimasti nel passato. Tuttavia, molti dei loro racconti sono diventati icone della letteratura e non è da meno, immortalare una storia senza le agevolazioni offerte da internet ha costretto l’immaginazione, la descrizione e il racconto magico a trasformarsi in un vero capolavoro.

E anche se la percezione della connettività ci da la sensazione di “sapere tutto”, è proprio grazie alla curiosità di scienziati, avventurieri e scrittori che abbiamo scoperto nuove destinazioni. Per fare un esempio, solo fino al 1913, dopo la ricerca di Hiram Bingham, il mondo ha conosciuto Machu Picchu attraverso una pubblicazione sulla rivista National Geographic.

Mentre siamo solo a un click di distanza dal vedere i dettagli di paesaggi mozzafiato in tutto il mondo, altri siti sperano di essere l’epica storia di qualche avventuriero. Il nostro protagonista di oggi è nato nel 1940 e sebbene le motivazioni del suo viaggio in Patagonia abbiano diverse versioni, il misticismo della storia si mantiene in una chiacchierata con la designer e architetta Elieen Gray, che ha finito per spingerlo a vivere un’avventura indimenticabile.

Foto Bruce Chatwin – Patagonia Argentina

Durante l’intervista, Bruce Chatwin la rimproverò per uno dei suoi quadri: “Ho sempre desiderato andarci”, le disse. Al che l’artista 93enne rispose: “Anche io. Vacci per me.” Un famoso telegramma “Vado in Patagonia” riassume in tre parole il desiderio di un uomo che vuole scoprire il mondo e raggiungere uno dei luoghi più remoti del pianeta. Chi lo direbbe che decenni dopo la sua traversata, continuerebbe ad essere uno dei racconti più speciali di questo luogo magico.

Lo conferma il giornalista, fotografo e docente Hernán Mazza nella sua analisi dell’opera letteraria: “Il libro di Chatwin per me è una lettura obbligata per chiunque voglia recarsi in quella regione. È uno di quei libri che meglio descrive il paesaggio, i personaggi, i discendenti dei coloni, i galeotti, ecc che hanno fatto parte della Patagonia, e che sono presenti ancora oggi”, ha detto l’esperto.

Potrebbe interessarti: RUTA 40 – Da Bariloche a El Calafate, che devo tenere in conto?

Per Mazza, ‘In Patagonia’ rappresenta la regione e consiglia la sua lettura prima di visitare questa zona dell’Argentina: “Ha un aspetto molto curato, ripeto, rispecchia la realtà e la storia (che gli raccontano) della regione. Molto meglio di giornalisti o scrittori autoctoni”, ha dichiarato. In breve, l’avventuriero che leggerà questo libro avrà un viaggio magico attraverso il sud del continente, da una prospettiva molto speciale.

Bruce Chatwin

Libro “In Patagonia” di Bruce Chatwin

E arrivò in Patagonia…

Bruce Chatwin non solo parla della propria avventura, ma la risalta anche con personaggi migranti che per diversi motivi trovano in questo luogo inospitale un rifugio alla fine del mondo. Un luogo dove evadere, intraprendere nuove esperienze, vivere in esilio, ma che, grazie al suo paesaggio, si finisce per trovarsi nella vera “Terra del Fuoco” che ravvive lo spirito e ti riconnette con i tuoi propri desideri.

Quando si addentra nel paesaggio, lo descrive duramente, come un luogo difficile da dominare, “una terra di nessuno o di tutti” dove gli esuli cercano di sopravvivere. Accenna con la sua storia che ci vuole coraggio per scoprirlo e dove alla fine si riceve un’enorme ricompensa. I visitatori finiscono per restare affascinati, è un nuovo inizio di fronte all’immensità dell’ambiente.

“È stato il viaggio che mi ha spinto a conoscere altri continenti. Ti provoca una dipendenza da luoghi desolati, con strani miti e leggende. Ad esempio, leggere dei Templari in Patagonia mi ha portato ad interessarmi alle storie di luoghi che non vengono raccontate nei viaggi tradizionali. È la combinazione tra flora, fauna, paesaggi, miti e leggende che poi ti fa guardare con altri occhi i viaggi tradizionali”, ha aggiunto il fotografo Hernán Mazza.

Il tour della Patagonia di Bruce Chatwin

Il tesoro letterario dell’Argentina

Secondo il Forum Mondiale delle Città Culturali, l’Argentina è il paese con il maggior numero di librerie al mondo. Questo titolo è stato verificato dal numero di librerie esistenti per numero di abitanti (25 ogni 100.000 abitanti). Per questo abbiamo raccolto una serie di esemplari di libri per continuare a viaggiare nel sud del continente.

  • “Patagonia Bianca” di Germán Sopeña
  • “Patagonia de puño y letra” di Mario Markic
  • “Misteriosa Argentina 1 y 2” di Mario Markic
  • “Diario della Patagonia” – Charles Darwin
  • “Vagando per la Patagonia” – Julius Beerbohm
  • “Spedizione in Patagonia” – Giacomo Bove
  • “Ande Patagoniche” – Alberto De Agostini

E se vuoi approfondire la nostra letteratura o le opere di diversi paesi, puoi visitare Ateneo; considerata la libreria più bella del mondo da prestigiose riviste ed enti culturali come National Geographic. Ateneo è stato costruito nell’antico cinema teatro Grand Splendid, un luogo dove magia, eleganza e splendore lo rendono una delle mete da non perdere quando si visita Buenos Aires.