Il paese del sud ha debuttato con diversi ristoranti in lista. Conoscili.

Ristorante Azafrán – Foto Instagram: @azafranresto

AUTORE

Argentina on the go

CATEGORIA

ristoranti

PUBBLICATO

Febbraio 2, 2024

D a più di 120 anni, la Guida Michelin ha il compito di valorizzare il meglio della gastronomia; è stata aggiunta una stella sulla maglia della Nazionale argentina e in materia culinaria alcuni locali hanno aggiunto rispettivamente una e due stelle. Dopo un esaustivo lavoro sul campo, gli esperti hanno preso la decisione e di seguito vi mostriamo quelli che sono stati scelti per far parte dell’elenco.

Aramburu

Due stelle Michelin
Vicente López 1661. Buenos Aires

Con Gonzalo Aramburu al timone, questo ristorante presenta una cena di diciotto portate a base di prodotti locali. “Siamo completamente commossi, immersi nella felicità. Tutto questo è legato al lavoro, alla fatica, all’amore (…) Avere queste due stelle per me era un sogno, era qualcosa che non mi aspettavo”, ha detto lo chef durante la cerimonia .

I piatti curati, l’eleganza del luogo; seguiti dalla gentilezza del personale, sono solo alcuni dei punti maggiormente consigliati dai visitatori. Un’esperienza attraverso i cibi di stagione.

Gonzalo Aramburu – Foto Instagram: @arambururesto

Zonda Cocina de Paisaje

Una stella Michelin
San Martín 1745. Mendoza

Ci rechiamo a Mendoza, una delle città che ospita le prestigiose stelle. Zonda Cocina de Paisaje, ha aderito alla selezione con autorità. La materia prima dei suoi orti rende omaggio alla cucina del territorio oltre ad un’elegante sala da pranzo dall’atmosfera rustica.

“Sono orgoglioso del nostro team. La nostra proposta inizia presto, con una colazione per i visitatori, una visita al nostro orto biologico e poi un corso di cucina, che culmina con un menu passo dopo passo armonizzato con i grandi raccolti della cantina”, ha aggiunto lo chef Augusto García sul sito ufficiale.

Zonda – Foto Instagram: @zonda.lagarde

Casa Vigil

Una stella Michelin
Videla Aranda 7008. Mendoza

Mendoza è ancora sul radar e con lo chef Ivan Azar al timone, Casa Virgil è stato un altro dei ristoranti scelti; il vino complemento perfetto per un’esperienza culinaria di prima classe: “Siamo una squadra enorme, la stella appartiene a tutti. Siamo 36 chef e più di 150 dipendenti e tutti hanno lavorato duro per questo risultato storico”, ha dichiarato Azar.

Uno spazio culinario situato in un luogo emblematico per la cultura gastronomica del Paese per i suoi successi nel campo dell’enologia. Un luogo speciale per connettersi con la letteratura attraverso l’architettura del luogo, il cibo per i suoi sapori e qualità, nonché la ricchezza naturale che lo circonda.

Ristorante Casa Vigil – Foto Instagram: @casavigil

Brindillas

Una stella Michelin
Guardia Vieja 2898. Vistalba, Luján de Cuyo.

Continuiamo a Mendoza, questa volta per conoscere meglio il talento dello chef Mariano Gallego, leader e riferimento di questo spazio culinario. La proposta contiene un menù degustazione; e due tipologie di menù dove la sorpresa gioca un ruolo predominante. Il ristorante ha aperto le porte nel 2005 e negli anni ha assunto una propria identità; Il suo cibo combina ingredienti della campagna con la cucina mediterranea e asiatica.

Ristorante Brindillas – Foto Instagram: @brindillasrestaurant

Azafrán

Una stella Michelin
Sarmiento 765. Mendoza

Il nostro percorso attraverso i ristoranti pluripremiati di Mendoza culmina con Azafrán dello chef Sebastián Weigandt. Il loro forte è trasformare gli ingredienti locali in consistenze che sfidano i piatti convenzionali, cosa aspettarsi? innovazione, qualità e un’esperienza indimenticabile. Un menù ampio, suddiviso in due alternative: Esperienza breve e prolungata; ciascuna con tre e quattro portate rispettivamente. Un vero viaggio gastronomico.

Ristorante Azafrán – Foto Instagram: @azafranresto

Trescha

Una stella Michelin
Murillo 725. Buenos Aires

Torniamo alla città della furia! Non solo gode di una stella Michelin poco dopo la sua apertura, ma ha anche il piacere di avere lo chef più giovane dell’America Latina a ottenerla. A soli 25 anni, Tomás Treschansky fa tendenza e si afferma come uno degli chef più importanti del continente. Tescha, una scommessa piena di freschezza, eleganza e tanto talento.

“Dicono che l’alta cucina sia svanita e che il menù a portate non funzioni più, ma secondo me è un errore. L’alta cucina per me è la cucina d’autore. Può essere più o meno lussuosa, ma una cucina che cerca un prodotto di qualità e con uno chef che ci mette la sua personalità, penso che esisterà sempre”, ha sottolineato Treschansky per El País.

Ristorante Trescha – Foto Instagram: @trescharestaurant

Don Julio

Una stella Michelin
Guatemala 4699. Buenos Aires

Un ristorante che da anni si distingue come uno dei preferiti da viaggiatori e gente del posto; il suo prestigio, conoscenza e contributo alla gastronomia argentina lo rende uno dei must della lista. Se si tratta di carne, Don Julio è presente. Con Guido Tassi come chef principale al timone, anche questo ristorante fa parte della selezione.

“Lo dedichiamo a tutte le persone di questo paese e di altri paesi che amano la GRIGLIATA ARGENTINA e ringraziamo la Guida MICHELIN per questo enorme riconoscimento della nostra cultura, non solo del nostro ristorante”, hanno condiviso sui loro social network.

Se vuoi saperne di più su questo ristorante, puoi leggere un altro articolo nostro, dove abbiamo avuto modo di chiacchierare con Guido Tassi.

Restaurante Don Julio – Foto Instagram: @donjulioparrilla

Ti piacerebbe mangiare in uno di questi ristoranti? Puoi chiederlo ad uno dei nostri operatori e aggiungerlo alla lista.