Il multiculturalismo della capitale argentina si riflette nei suoi vari spazi culturali e artistici in tutta la città.

Museo di Arte Latinoamericano di Buenos Aires (Malba)

AUTORE

Argentina on the go

CATEGORIA

Attività

PUBBLICATO

Marzo 9, 2022

SOCIAL

argentinaonthego

O ggi vogliamo fornirvi l’elenco dei musei da non perdere per la tua prossima visita a Buenos Aires. Visiteremo opere iconiche, nuove espressioni e spazi “nascosti” che ti sorprenderanno.

Quale programma migliore che conoscere una nuova destinazione attraverso i suoi musei? In questo modo ci si può indubbiamente avvicinare all’essenza del luogo.

Senza ulteriori indugi, dettagliamo di seguito alcuni dei musei imperdibili da visitare a Buenos Aires:

Buenos Aires Museo

Questo museo è composto da tre edifici con varie attività e mostre. Altos de Elorriaga (Defensa 187) è la casa principale; Sala Querubines (Defensa 223) dove si trovano le mostre temporanee e Altos de la Estrella (Alsina 412) che ospita l’amministrazione e la biblioteca. Tutti sono molto vicini e sarà un tour speciale.

Ad Altos de Elorriaga, i visitatori saranno immersi nella storia della città, con elementi innovativi, interattivi e tante curiosità. Uno spazio organizzato cronologicamente che permette di comprendere la trasformazione sociale, culturale e architettonica della capitale. Inoltre, il piano superiore non è da meno, poiché il rock, la fotografia, i media, il design e persino lo sport hanno una storia da raccontare. Imperdibile!

Orari: Lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì dalle 11 alle 19.
Sabato, domenica e festivi dalle 11 alle 20.
Martedì chiuso.

Buenos Aires Museo

Museo Nazionale di Belle Arti

Secondo i dati ufficiali, nel corso del 2019 il Museo Nazionale di Belle Arti ha accolto 631.440 persone. Oltre 12.000 collezioni, l’importanza delle sue opere, la bellezza del luogo e molti altri attributi, lo rendono il museo più visitato del paese e una tappa obbligata per gli amanti dell’arte.

Durante il percorso potrete ammirare opere di Auguste Rodin, Van Gogh, Claude Monet, Pablo Picasso, Amedeo Modigliani, Édouard Manet, Paul Klee, Vassily Kandinsky e molti altri. Ognuna delle sue sale è decorata da artisti di ogni età e tecnica.

Situato in Avenida Del Libertador 1473, il luogo ti invita a una giornata piena di fascino. Dal momento che prima o poi potrai passeggiare e continuare ad innamorarti della bellezza della capitale argentina con l’imponente architettura della Facoltà di Giurisprudenza, il Cimitero della Recoleta o il suo centro culturale. Senza contare che ci sono sempre opere temporanee di grande importanza.

Orari: Da mercoledì a domenica dalle 11 alle 19.

Museo Nazionale di Belle Arti

Museo di Arte Latinoamericano di Buenos Aires (Malba)

Lo stile architettonico del MALBA (decostruttivismo) è il preambolo perfetto per parlare di arte e fascino in città. Un antipasto perfetto per conoscere circa 12.000 opere di grande importanza per la regione; con dipinti di Frida Kahlo, Antonio Berni, Tarsila do Amaral, Pedro Figario, Wifredo Lam e molte icone di questa espressione artistica.

Inoltre, essendo il punto di riferimento per importanti mostre temporanee, dispone anche di una serie di attività che conducono il visitatore a un’esperienza eccezionale: corsi, laboratori, incontri e tante altre proposte che fanno di questo luogo un vero incontro con l’arte.

Orari: da mercoledì a lunedì dalle 12 alle 20

Museo di Arte Latinoamericano di Buenos Aires (Malba)

Museo Benito Quinquela Martín

Situato nel quartiere de La Boca, il Museo Benito Quinquela Martín offre una vista magica e colorata di questo quartiere emblematico. Un tour indispensabile per chi vuole comprendere l’identità di Caminito, l’importanza degli immigrati nella zona e altre tradizioni locali. Un artista che, nonostante conoscesse i grandi dell’epoca, si rifiutava di dipingere qualcosa di diverso dal suo amato quartiere.

Orari: Venerdì dalle 10 alle 18, sabato e domenica dalle 11:15 alle 18.

Museo Benito Quinquela Martín

Consigli

– Rivedere la programmazione di ogni Museo, in particolare con le mostre temporanee.
– In genere, una volta a settimana alcuni musei hanno l’ingresso gratuito.
– Cerca di dedicare abbastanza tempo ad ogni spazio culturale. Oltre ad andare con una guida che ti accompagni.
– Lascia che il comfort prevalga! Indossa scarpe comode, porta acqua e peso leggero nello zaino.
– La maggior parte degli spazi dispone di un armadietto per lasciare i tuoi effetti personali in modo che tu possa goderti la visita tranquillamente.

Luoghi nascosti

Questi luoghi non sono classificati come musei, ma hanno molto da raccontare sulla città. Ecco perché, come raccomandazione extra, vi lasciamo tre spazi che brillano per la loro ricchezza architettonica e culturale e che a loro volta offrono attività che spesso passano inosservate.

Parlamento

Avvistare il Congresso della Nazione Argentina e la sua imponente cupola fa parte dei piani tradizionali quando si visita la capitale, ma… visitare l’interno della sua struttura? Non è molto conosciuto da viaggiatori e gente del posto, ma è possibile prenotare in anticipo una delle sue visite guidate al Palazzo Legislativo, alle sale e agli altri spazi del Congresso abilitati a tale attività.

Congresso della Nazione Argentina

Bajo Barolo

Il Palazzo Barolo non offre solo visite guidate al suo bellissimo edificio. Per chi non lo sapesse, l’architetto Mario Palanti si è affidato al libro Divina Comedia per la sua costruzione. Recentemente è stato allestito uno spazio denominato “Bajo Barolo” che espone opere temporanee di diversi artisti in quello che viene chiamato “El infierno” del Barolo.

Palazzo Barolo

Parque de la Memoria

Per chi cerca spazi più aperti legati alla storia del Paese. Potete visitare questo enorme spazio con vista sul Río de Plata. Lì, potrete

connettere con parte della memoria e con gli eventi importanti del paese.

Parque de la Memoria