Libri e storici hanno raccontato le avventure dell’essere umano quando emigra verso nuovi luoghi: conquiste, imperi, percorsi, guerre o lotte per i territori, solo per citarne alcuni. Le rotte e le navigazioni sono diventate una pietra miliare di questi eventi che hanno indubbiamente cambiato il modo di vedere il mondo, di capirlo e scoprirlo.

AUTORE

Argentina on the go

CATEGORIA

Attività

PUBLICADO

Giu 7, 2022

SOCIAL

argentinaonthego
A

nche se oggi sembra “normale” spostarsi da un luogo all’altro, siamo ancora piccoli in mezzo a tanta immensità e misteri che ancora non riusciamo a capire. Gli abitanti delle zone costiere vedono nel mare la loro fonte di ispirazione, cibo e anche divertimento. Non invano migliaia di viaggiatori sognano di fuggire in un luogo remoto con acque cristalline.

Ma il mare custodisce molto di più dei desideri di chi ha avuto la fortuna di ammirarlo…migliaia di specie solcano le sue acque di fronte all’impotenza dell’essere umano di poterne “conquistare” le profondità. Navi, sottomarini, barche, zattere… che non sostituiranno mai una vita sotto l’oceano.

Immersi in quel desiderio di conoscere luoghi e meraviglie della natura che vi lasceranno senza fiato, vogliamo condividere una serie di consigli per l’avvistamento delle balene in Argentina. C’è un luogo in questo bellissimo territorio che offre la possibilità di avere un contatto magico con l’animale più grande del pianeta. Si tratta della Penisola Valdés, che accoglie centinaia di balene tra giugno e dicembre.

Un dono della natura che è diventato il sogno di migliaia di viaggiatori in tutto il mondo. Un’esperienza unica e irripetibile che in un modo o nell’altro ci ricorda l’immensità della creazione e la bellezza di ciascuna delle sue creature.

Balena del sud – Península Valdés

Conoscendo le balene

Questi mammiferi sono divisi in due famiglie identificate come ¨dentate¨ (capodoglio e orca) e ¨barbute¨ (megattera e balenottera azzurra). Possono misurare tra i 25 ei 32 metri e pesare fino a 180 tonnellate. La loro coda è posizionata orizzontalmente e questo facilita la loro risalita in superficie per respirare, anche se possono rimanere sott’acqua fino a circa un’ora! La maggior parte di loro si nutre di krill (40 milioni al giorno) o di piccoli crostacei, ad eccezione delle Orche, che includono nella loro dieta anche altri grandi mammiferi (pinguini, leoni marini, ecc.). Durante tutta la loro vita migrano dai mari freddi, dove si nutrono, a quelli più caldi per accoppiarsi e partorire (12 mesi dopo).

Balena del sud – Península Valdés

Península Valdés

Nella penisola di Valdés è possibile avvistare la balena franca australe. Per questo avvistamento esistono diverse modalità, dalla costa e a bordo di un’imbarcazione. A seconda del periodo, è possibile osservare le balene dalla città di Puerto Madryn o a pochi metri da loro dalla costa delle spiagge di El Doradillo (15 km dalla città). Per le opzioni in barca, i costi variano in base al tipo di imbarcazione (zodiac o gommone), al numero di persone, alla durata e all’orario di partenza (ideale al tramonto per chi vuole scattare fotografie di migliore qualità).

Le informazioni fornite dall’Istituto di Conservazione delle Balene affermano di aver scoperto che le madri portano i loro piccoli negli stessi luoghi in cui sono nati. Un modo per “condividere” i primi mesi di vita con i loro piccoli e uno dei tanti dettagli che è stato possibile conoscere grazie al lavoro di questa entità con il registro dei suoi ricercatori dal 1971. Fin dalla sua fondazione hanno potuto identificare con una foto quasi 4000 balene.

Quindi tutti quegli avventurieri che si accingono a vivere quest’esperienza avranno davanti ai loro occhi la storia di queste famiglie. Nuotano lentamente, non sono pericolose e sono piuttosto curiose, il che rende l’avvistamento sublime. Lì, nell’immensità dell’oceano, potrete vivere uno spettacolo straordinario. Puerto Madryn è la capitale nazionale delle immersioni e delle attività subacquee, ma senza dubbio… le balene sono la sua più grande attrazione.

Calendario della fauna marina nella Penisola Valdés

Orche

Le balene franche australi non sono le uniche visitatrici di questa zona del nostro paese. Nei mesi di marzo e aprile c’è anche la possibilità di avvistare le Orche a Punta Norte e Caleta Valdés, entrambi punti situati anche nella penisola di Valdés. Secondo gli esperti, grazie alla nascita di leoni ed elefanti marini, le orche si avvicinano per cacciare e questo è il motivo principale per cui si possono vedere nella zona.

Orche – Península Valdés

Pinguini

Non solo potrete vedere le balene franche australi, ma si possono anche avvistare altri animali come il pinguino di Magellano da fine settembre a metà marzo. La tenerezza di questi animali vi darà la possibilità di avere uno stretto contatto con questa specie, in questa stagione fanno i loro nidi, si accoppiano, incubano le uova e nutrono i loro piccoli. Non è il momento migliore? senza dubbio un momento unico.

Pinguino di Magellano – Península Valdés

Leoni ed elefanti marini

I leoni marini possono essere visti tutto l’anno sulla penisola, “Lobería Punta Pirámide” è uno dei punti di incontro più importanti per questi animali che hanno la capacità di adattarsi a vari ecosistemi. Tra mare e terra… la vita di questi mammiferi si svolge magicamente in questo luogo affascinante. Si nutrono di calamari e crostacei, possono arrivare fino a 120 metri di profondità e possono pesare tra 150 kg e 350 kg.

Invece, gli elefanti marini sono molto più grandi, possono pesare quattro tonnellate e i loro piccoli alla nascita pesano 40 kg. Trascorrono gran parte del loro tempo in mare e solo si avvicinano alle coste per riprodursi o per cambiare il loro pelo. Animali imponenti che vi sorprenderanno.

Leoni Marini – Lobería Punta Pirámide

Delfino patagonico

Il delfino della Patagonia o “panda del mare” può essere visto in questa zona durante tutto l’anno. Conosciuto anche come tonina overa, l’aspetto di questo cetaceo ruba tutta l’attenzione, il suo colore bianco e nero risalta nell’immensità dell’oceano. Il posto migliore per vedere questi animali è Rawson grazie alla foce del fiume Chubut. Le escursioni partono da Bahía Engaño, sono barche che trasportano 60 passeggeri a pochi chilometri dalla costa per vedere questo animale.

Delfino patagonico – Península Valdés

Adottare una balena!

Non dovrete esattamente portarla a casa, al di là di quanto possa sembrare strano il concetto, è una bella iniziativa che cerca di contribuire alla ricerca sulla balena franca australe e quindi contribuire alla sua conservazione. L’Istituto di Conservazione delle Balene è un’organizzazione civile senza scopo di lucro che cerca di preservare le balene e gli oceani attraverso la ricerca e l’istruzione.

Una delle sue proposte è l’adozione delle balene, le stesse che hanno potuto identificare attraverso studi dettagliati per più di quattro decenni. Un canone mensile per il quale riceverete un libro speciale, una galleria fotografica della balena prescelta e molto altro. Ognuno ha un nome e potrete conoscere la sua storia registrata da questa ONG.